Forra del Cusano Forre

 
 

L’ingresso ideale per percorrere la forra è il ponte di Roccamorice, posto subito prima del centro abitato provenendo da S. Valentino. Siamo a quota 492 m slm e qui si lascia l’auto in un comodo parcheggio a lato del ponte.
Discesa la scarpata costeggiante il ponte si arriva sull’alveo del torrente in 2 minuti, a quota 475 m slm e qui, sul greto sempre in secca, si parte in discesa con destinazione Il Pilone.
 
Dopo meno di mezz’ora l’acqua, che scorreva nascosta e silenziosa sotto i detriti, riemerge via via da piccole risorgenze successive e ricostituisce infine una cospicua portata sempre presente anche nei mesi più caldi.
 
Abbiamo schedato 12 elementi morfologici degni di nota, tra salti naturali o artificiali, pozze e toboga.
 
I salti più importanti sono due, di dodici metri ciascuno, il primo in corrispondenza della confluenza del fosso Launelle (o fosso Pietralata) ed il secondo più a valle che sembra essere uno specchio di faglia trasversale rispetto alla direzione dell’asta del torrente.
 
Eccoci finalmente al Pilone a quota 270 m slm: sono passate dalle 6 alle 7 ore da quando 4.8 km prima abbiamo iniziato la discesa dal ponte. Il dislivello complessivo è di circa 200 m e l’ambiente si presenta ricco di emergenze geologiche, morfologiche e zoobotaniche.
 
Dal Pilone, lasciata l’ultima pozza a nuoto, si risale per il vecchio sentiero dei minatori lungo circa 900 m, fino a quota 400 m slm.
 
 
Forra del Cusano Forra del Cusano

Sviluppo
ca. 4,5 km
Quota di ingresso
490 m slm
Dislivello
ca. 200 m
Difficoltà
media
Partenza
ore 7:00
Trasferimento in auto
30 min.
Tempo di avvicinamento
5 min.
Tempo di permanenza
7 ore ca.
Tempo di recupero auto
45 min.
Luogo dell'appuntamento
Parcheggio a Lettomanoppello. Coordinate 42°14'6.47"N 14° 2'15.81"E
Nr.partecipanti
max 12 persone
Per l'accesso in forra è necessaria un'assicurazione che copra questo tipo di attività.
 
Maggiori dettagli logistici verranno comunicati ai partecipanti.
 
 
Scarica il pdf dell'escursione
 
Per prenotare l'escursione e per qualsiasi altra informazione scrivi una mail a: escursioni@strisciando2016.it
 
 

I testi e le tavole sono di proprietà dell'Archivio GES CAI Pescara